EventiPaesi e cittàTurismo

Merano Wine Festival

Il Merano Wine Festival è diventata una realtà affermata dell’enogastronomia internazionale, in trent’anni di vita, ha scalato le classifiche di gradimento, grazie soprattutto, alla abbondante affluenza di pubblico, diventando difatti, l’evento enogastronomico tra i più partecipati e gettonati al mondo.

Storia del Merano Wine Festival

Scopriamo il MWF che si terrà a Merano dal 4 all’8 novembre.

Fin dai tempi passati, il vino lo accostiamo a storie di fame e privazioni. I nostri avi ci raccontano che il vino e i prodotti gastronomici a lui affini, venivano usati come cibo di nutrimento e per scaldarsi nelle fredde giornate, erano anche vivande dai molti simboli e significati. La storia della cultura umana ci racconta di come il vino abbia sempre avuto una parte rilevante e di come nei tempi ne abbia plasmato simboli, valori, tradizioni, paesaggi e linguaggi; oggi invece ne esaltiamo il suo valore realizzando prodotti di assoluta eccellenza enogastronomica.

Wine Festival a Merano: evento divino in un posto fiabesco

Merano è la perla dell’Alto Adige, immersa nel cuore delle Alpi, nel passato meta ambita da re, regine e principesse, città, che immutata nel tempo, ne mantiene il fascino e la cultura. Un posto ricco di bellezze architettoniche e culturali, Merano con il suo aspetto fiabesco è il luogo ideale per un festival internazionale e il Kurhaus, di stile Art Nouveau, non poteva che essere la sede che ospita il MWF, rendendolo un evento divino. Simbolo liberty della città tirolese, il Kurhaus è la location ideale dove ogni anno migliaia di persone si recano per partecipare all’International Wine Festival.

Perché nasce il Merano Wine Festival

Il Merano Wine Festival nasce dall’amore e dalla passione per i prodotti gastronomici e per i grandi vini , da due meranesi Helmuth Köcher e Johann Innerhofer e dall’aiuto di Othmar Kiem, che nel 1992, danno vita nelle sale dell’Hotel Palace di Merano alla prima edizione del Merano Wine Festival.

Alla prima edizione parteciparono 50 produttori di case vinicole e 1000 visitatori, il suo successo ebbe un impatto così importante che già dall’anno successivo trasferirono il Festival in pieno centro città, nella sede attuale del Kurhaus.

MWF: una certezza di qualità assoluta

Il Wine Festival di Merano in breve tempo ha assunto un’importanza rilevante nel mondo dell’enogastronomia, tale che dal 1996, per garantire le qualità delle esposizioni, vengono introdotte le selezioni sui prodotti, infatti, i vini ammessi sui banchi di assaggio, dovevano superare una ferrea selezione qualitativa, rendendo il festival un evento sempre più di primo livello.

Nel nuovo millennio, precisamente nel 2003, si consolida la collaborazione, che era nata nel 1973, con l’Union des grand cru de Bordeaux entrando a far parte del contenitore del MWF, portando al festival oltre 100 etichette dei migliori vini francesi arricchendone così l’esposizione. Nel 2005, a pochi chilometri da Merano, all’interno di Castel Katzenzungen, trova un degno palcoscenico la viticoltura biologica, biodinamica e naturale. Prende forma Naturae et Purae – bio&dynamica, un evento che dal 2008 viene prima portato nel centro di Merano a Castel Kallmünz e nell’anno successivo, dal 2009, nella sala del Pavillon des fleurs della sede principale del Kurhaus.

Merano Wine Festival 2022. Novità ed espositori.

L’edizione del Merano Wine Festival del 2022 si terrà dal 4 all’8 novembre a Merano. Nelle quattro giornate, a cavallo del primo fine settimana di novembre, partecipando al MWF, si potranno gustare i migliori vini mondiali e assaporare piccoli gioielli gastronomici. Tra i banchi di assaggio, oltre ai vini e ai prodotti gastronomici d’eccellenza, ci saranno anche le birre artigianali e le grappe.

Parteciperanno alla manifestazione oltre 450 case vinicole, 200 artigiani del gusto e 15 chef.

Le location del Wine festival 2022.

La location del Wine festival 2022 è la sede storica del Kurhaus, sita nel centralissimo Corso della Libertà della città di Merano. Troveranno spazio nella sede principale dell’evento il Wine – The WineHunter Selection. Mentre, a pochi passi dal Kurhaus, l’Arena Gourmet. Gli appassionati e curiosi di degustazioni culinarie, di birra artigianale e delle acquaviti troveranno la location nel lungo Passirio. Sempre nel centro città, in Piazza Terme, presso l’Hotel Therme Merano, sarà allestito lo stand dell’evento Naturae et Purae bio&dynamica, mentre la sede dell’attesissimo fuorisalone del WineFestival, il Merano WineCitylife, sarà sull’elegante Corso della Libertà/Freiheitsstraße. Non mancheranno durante le quattro giornate del Festival i momenti di discussione e i convegni organizzati nel magnifico teatro Puccini.

Biglietti per il Merano Wine Festival: dove trovarli

I biglietti per accedere al Merano Wine Festival sono disponibili direttamente dal sito web della manifestazione, con un leggero sovrapprezzo. Sarà possibile acquistare i biglietti sia per le singole giornate, sia abbonamenti per più eventi.

Programma del MWF.

Dal 4 all’8 novembre 2022 Merano sarà la capitale mondiale del Vino. Il 4 e il 5 novembre, si parte con il tema “Respiro e grido della terra” un interessante summit incentrato, appunto, sui temi della sostenibilità. Al Teatro Puccini, infatti, si discuterà di economia sostenibile e delle soluzioni da applicare al settore della viticoltura per salvaguardarne la produzione.

Il tutto è racchiuso in sei incontri, dove i partecipanti cercheranno di trovare al problema dell’acqua e a quello della sicurezza alimentare delle risposte, inoltre, si discuterà di sostenibilità delle filiere enologiche e di certificazioni in viticoltura. Nel corso del summit verranno poi esposti ed affrontati alcuni tra i più interessanti case study del settore enologico italiano e mondiale.

Terminati i lavori sarà consegnato al Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, tutte le soluzioni e le linee guida che verranno individuate, che saranno messe nero su bianco su un Manifesto pubblico aperto che sarà sottoscritto da opinion leader e stakeholders.

Un format in continua evoluzione: gli eventi collaterali.

Negli anni il format del MWF si è sviluppato sempre di più, infatti oggi, è ricco di eventi. Negli anni, al format originale, si sono aggiunti diversi eventi collaterali. Come da tradizione, oggi, all’interno del Kurahus sono ospitati oltre alla selezione Wine Italia, anche gli eventi: The WineHunter Selection Area, il Wine internazionale e il Catwalk Champagne. Una branca del Merano Wine Festival, “Food – Spirits – Beer”, è dedicata al mondo delle grappe, delle birre artigianali e del buon cibo; nell’area riservata a specialità culinarie, eccellenze gastronomiche e showcooking direttamente dai vari territori, scopriremo Territorium & Consortium, i quali sono due eventi che troveremo all’interno della GourmetArena.

Per l’anno 2022, troveremo anche tantissimo spazio dedicato ai vini biologici, una tendenza che non conosce crisi e sempre più in voga. All’interno dell’Accademia degli Studi Italo Tedeschi si parlerà e si esporranno le novità sui vini biologici, naturali, biodinamici, orange e PIWI di agricoltura integrata. Invece, sarà la casa delle masterclass e il B&F Club, la suggestiva e storica location dell’Hotel Terme Merano.

Red Wawe 2022 per un fuori salone da favola.

Il Red Wave 2022, inconfondibile segnale e simbolo della rassegna. Il tappeto rosso del fuorisalone, questa edizione, animerà e coinvolgerà il salotto cittadino del Corso Libertà, Piazza Arena, la Promenade e il Teatro Puccini.

Il Pre festival e la guida online The WineHunter Award

Tra non molte settimane vedranno la luce, le iniziative che lo scorso 16 agosto, sono state, in parte anticipate dall’ideatore e patron della manifestazione Helmuth Köcher che ha infatti presentato le guide: The WineHunter Award e la TOP 50 Food – Spirits – Beer. Nelle guide possiamo trovare una selezione dei 100 migliori vini italiani e una rassegna del settore food, Spirits e Beer, dei 50 prodotti top, da queste guide saranno scelti i vincitori per i premi: The WineHunter Award Rosso, Gold e Platinum.

Chi è Helmuth Köcher, patron del Merano Wine Festival?

Helmuth Köcher è il fondatore e presidente del Merano Wine Festival, nonché, amministratore unico di Gourmet’s International e The WineHunter. Nasce nel 1959, ha una laurea in scienze politiche, ed è amante della cultura gastronomica e appassionato da sempre di vini, nel 1992, Köcher, dando forma alle sue passioni e unendo tutte le sue esperienze in un fantastico contenitore, realizza il MWF. Stimato esperto enogastronomico e ideatore del brand The WineHunter, Helmuth Köcher, oggi nel mondo è riconosciuto, come uno tra i migliori organizzatori di eventi enogastronomici. Le sue visioni sono state poste in essere e concepite nei quattro angoli del mondo, e anche, coordinatore e presidente di prodotti tipici e di commissioni di valutazione vino con rispettiva assegnazione del WineHunter Award rosso-oro-platinum, nonché dal 2012, ricopre inoltre, l’incarico di Presidente e Direttore all’interno della struttura della WineHunterAcademy

Articoli Correlati

Ultime notizie:

    No feed items found.

Pulsante per tornare all'inizio