Coronavirus, 482 morti e 3.491 casi in più. Calano ricoveri (-779) e terapie intensive MAPPA

Coronavirus, 482 morti e 3.491 casi in più. Calano ricoveri (-779) e terapie intensive MAPPA

Sale di altre 482 vittime il bilancio dei morti in Italia per conseguenze derivate dal coronavirus. Ieri il dato era di 575. È quanto ha diramato dal dipartimento della Protezione civile nel bollettino giornaliero di oggi sabato 18 aprile. Ricordiamo che la conferenza stampa del capo dipartimento Angelo Borrelli è stata rimodulata: non ci sarà più quindi l’appuntamento quotidiano in tv ma verrà proposto solamente due volte a settimana, il lunedì e il giovedì. I dati verranno invece diffusi ogni giorno. 

I dati di oggi rispecchiano l’andamento mostrato ieri, in particolar modo riguardo ai nuovi casi accertati: 3.491 rispetto ai 3.493 di un giorno fa (solamente due in meno). Allo stesso modo però prosegue senza sosta l’allentamento della pressione sulle strutture ospedaliere: altri 79 pazienti in meno sono in terapia intensiva e ben 779 in meno sono ricoverati con sintomi. Un segnale che conferma una flessione che dura ormai dal 3 aprile scorso. Si conferma sopra i 60mila il numero dei tamponi effettuati che, come spiegato più volte dagli scienziati, produrranno i risultati nei prossimi giorni. 

In Lombardia l’aumento dei casi è di 1.249 unità mentre il numero di morti ha raggiunto quota 12.050, 199 in più rispetto a 24 ore fa. Per quel che riguarda le terapie intensiva i pazienti sono scesi a 947, 24 in meno, mentre i ricoverati con sintomi sono 10.042, ben 585 in meno. I guariti o dimessi in un giorno sono invece 286 per un totale di 19.136.

I casi Covid-19 accertati in Italia dall’inizio dell’emergenza sono ora 175.925 (3.491 in più rispetto a ieri), di cui 23.227 morti e 44.927 guariti, 2200 nelle ultime ventiquattro ore. Il numero di attualmente positivi nel nostro Paese è di 107.771 persone, ieri era di 106.962, un aumento di 809 unità. I tamponi effettuati fino ad oggi sono 1.305.833,  61.725 nell’ultimo giorno (Ieri erano 65.705). 

fonte leggo.it