Coronavirus, 525 morti e 3.786 casi più: la curva torna a salire, è l’effetto tamponi. Crollano i ricoverati: -750 in un giorno MAPPA

Coronavirus, 525 morti e 3.786 casi più: la curva torna a salire, è l’effetto tamponi. Crollano i ricoverati: -750 in un giorno MAPPA


Sale di altre 525 vittime il bilancio dei morti in Italia per conseguenze derivate dal coronavirus. Ieri il dato era di 578. È quanto ha diramato il capo del dipartimento della Protezione civile Angelo Borrelli in conferenza stampa nel consueto bollettino delle 18 di giovedì 16 aprile.

Pubblicità

La curva dei nuovi casi è tornata a salire, 3.786 in più rispetto ai 2.667 di ieri. È l’effetto tamponi: dopo il calo vertiginoso nei giorni di Pasqua, Pasquetta e del giorno successivo, i test effettuati hanno ripreso il ritmo intrapreso la settimana scorsa. Ieri 43.715 e oggi ben 60.999 (record da inizio emergenza) contro i 26.779 di martedì e i 36.717 di lunedì. Secondo il concetto che “più cerchi più positivi trovi” l’aumento delle persone positive in Italia è la diretta conseguenza. 

La notizia rilevante è il crollo dei ricoverati con sintomi750 in menorispetto a ieri, che si unisce all’ennesimo calo delle terapie intensive (143 in meno). Un dato che si riscontra anche in Lombardia, focolaio del Paese, 687 ricoverati con sintomi in meno in regione e 42 in meno in terapia intensiva. 

Pubblicità

IL BOLLETTINO DI OGGI

Pubblicità
Pubblicità

I casi Covid-19 accertati in Italia dall’inizio dell’emergenza sono ora 168.941 (3.786 in più rispetto a ieri), di cui 22.170 morti e 40.164 guariti, 2072 nelle ultime ventiquattro ore. Il numero di attualmente positivi nel nostro Paese è di 106.607 persone, ieri era di 105.418, un aumento di 1.189 unità. I tamponi effettuati fino ad oggi sono 1.178.403,  60.999 nell’ultimo giorno (Ieri erano 43.715). 

Sono 2.936 i malati in terapia intensiva, 143 in meno rispetto a ieri. Di questi, 1.032 sono in Lombardia (-42). 26.893 sono poi ricoverati con sintomi, 750 in meno rispetto a ieri, e 76.778 (+2082) sono quelli in isolamento domiciliare. 

fonte leggo.it

Pubblicità

Pubblicità