Coronavirus Roma, i “furbetti” dei buoni spesa: richieste fatte due volte o da chi non ne ha diritto

I furbetti dei buoni spesa nel mirino dei controlli. Non ci sono solo accertamenti sulle auto in giro sulle strade per monitorare il rispetto delle norme anti contagio: su disposizione del Campidoglio sono scattati anche per le richieste di buoni spesa, a disposizione di chi ha perso il lavoro per l’emergenza del coronavirus e  delle famiglie in difficoltà. Gli agenti della Municipale hanno scoperto dunque che alcuni romani hanno fatto richiesta in più municipi – per attingere da più casse e ottenere più ticket – e che, in alcuni casi, le richieste non erano legittime.

loading…

I buoni sono infatti previsti anche per coloro che hanno perso il lavoro. Eppure “i vigili sono andati a consegnare i buoni e non hanno trovato l’interessato a casa – denuncia la sindaca Raggi su Facebook – perché il richiedente era a lavoro. Molto strano dato che abbiamo dato la priorità a chi il lavoro l’ha perso”. La prima cittadina poi aggiunge:” “Abbiamo scoperto che qualcuno ha presentato domanda in diversi municipi sperando che non ce ne saremmo accorti”. Invece è stato sufficiente incrociare i dati. E per i furbetti scatterà una denuncia: “Facciamo controlli molto scrupolosi sulle dichiarazioni che ci arrivano” garantisce la sindaca Raggi.

loading…

Così come disposto dall’amministrazione infatti, le richieste prima di essere accettate vengono valutate dagli uffici municipali, dai responsabili dell’anagrafe, dal dipartimento Politiche sociali e infine dagli agenti della Polizia locale. Questi ultimi incaricati della consegna e dunque, dell’ultima verifica sull’effettiva necessità rispetto alla richiesta: “Mettetevi una mano sulla coscienza e lasciate che arrivino in mano a chi ne ha davvero bisogno” conclude la prima cittadina.