lunedì, Aprile 12, 2021

Da domani l’Italia divisa in 3 zone. Ecco dove chiuderanno i negozi e dove ci sarà lockdown totale

L’Italia è ormai divisa in tre fasce: gialla, arancione, rossa. Ecco, in base a tutte le regole e i divieti del Dpcm che entra in vigore il 5 novembre e ha validità fino al 3 dicembre, che cosa si può fare e che cosa non è consentito.

Ma gli addetti ai lavori precisano all’Adnkronos che non si può parlare di zone verdi, «perché l’emergenza c’è e nessun area è esclusa», dunque giallo, arancione e rosso saranno i colori a cui, a partire da oggi, faremo riferimento sulle misure che verranno adottate per fermare la corsa del virus.

REGIONI ROSSE In zona rossa viene ordinata la chiusura di tutti esercizi commerciali tranne quelli essenziali: ma barbieri e parrucchieri restano aperti. Didattica a distanza per seconda e terza media. Spostamenti vietati tranne che per ragioni lavorative, di salute e per accompagnare i bambini a scuola. L’attività sportiva si potrà svolgere solo all’aperto, vicino alla propria abitazione e da soli. Le fabbriche invece rimarranno aperte. Le regioni rimarranno nella fascia ad alto rischio per un minimo di 15 giorni e con aggiornamenti di settimana in settimana.



Leggi anche:  Oroscopo Paolo Fox domani 13 Aprile 2021: Buongiorno buon Lunedì

REGIONI ARANCIONI Nelle zone arancioni – che probabilmente coloreranno i territori di Campania, Liguria, Puglia, Veneto, Umbria, Toscana, Lazio, Marche, Emilia Romagna, Abruzzo, Sicilia – verranno chiusi tutto il giorno soltano i servizi di ristorazione, la Dad varrà solo per le scuole superiori ma saranno comunque vietati gli spostamenti extra regione. Consentiti quelli interni, purché all’interno del comune di domicilio o di residenza.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni
SCOPRI IL PREZZO
Leggi anche:  Oroscopo amore Martedì 13 Aprile 2021- Tutti i segni, Oggi e domani

ZONE GIALLE (EX VERDI) Su tutto il territorio nazionale varranno le misure che il premier Conte ha già illustrato alla Camera: didattica a distanza al 100% per tutti i licei e istituti professionali, chiusura nei giorni festivi e prefestivi dei centri commerciali, chiusura delle sale giochi e di quelle dedicate al bingo, oltre agli spazi dedicati a queste attività presenti nei tabaccai, stop a musei e mostre, capienza massima dei mezzi pubblici limitata al 50%. Il coprifuoco scatterà alle 22 fino alle 5. In questa fascia sono consentiti esclusivamente gli spostamenti motivati. 

Articoli correlati

Stai connesso

1,974FansLike

Ultimi articoli