Cucina e ricette

Ecco come si conservano le olive appena raccolte: consigli e guida,

Le olive, i tipici prodotti italiani, che soprattutto a sud Italia sono ricchezza del territorio e sono presenti della varietà conosciute nel mondo intero. Si possono mangiare già pronte, oppure impegnarsi nella preparazione e nella conservazione. Sono tanti modi attraverso i quali è possibile conservare le olive fresche appena raccolte, esaltandone così ogni minimo sapore, e gustarle durante l’anno.

Come conservare le olive appena raccolte?

Innanzitutto è necessario precisare che esistono diverse tipologie di olive, questo si differenziano dal colore vedete quella dalla consistenza, e dal sapore. Le olive conosciute sono quelle verdi e quelle nere. Ma come si conservano? Esistono differenti modi per conservarle ovvero: al forno, sotto sale, sott’olio e in salamoia. Scopriamo come procedere nel dettaglio, con dei consigli per conservare le olive fresche.

Olive nere

Conservare le olive nere al forno è un operazione molto semplice. Come prima cosa è necessario scegliere le giuste olive, nella giusta fase di maturazione e dal colore uniforme. Successivamente è necessario far andar via tutta l’acqua contenuta all’interno delle olive, e per fare ciò è necessario inciderle per almeno tre volte e inserire in uno scolapasta alternando strati di olive a strati di sale grosso. Le olive devono rimanere in questo modo per una settimana, dopodiché si passa troppo passaggio, ovvero al lavaggio con l’aceto di vino bianco. Ora sono pronte per essere cotte in forno o, fino a quando non raggrinziscono completamente. Una volta pronte e non resta che attendere che raffreddino ed inserirle in un vasetto con l’olio e chiudere ermeticamente in modo da poterlo conservare.

Olive nere sotto sale

Per conservare le olive sotto sale si sono differenti modi, ma il più utilizzato è il seguente. Innanzitutto si procede con il lavaggio accurato delle olive e successivamente si andranno ad asciugare in modo da eliminare tutti i residui di acqua in superficie. In seguito, in un contenitore di terracotta, si alternano strati di olive con strati di sale grosso. Il saluti lizzato dovrà essere aromatizzato con dell’aglio, delle foglie d’alloro, del finocchio e della scorza d’arancia grattugiata.

Olive nere sott’olio

Per questo tipo di conservazione non necessario fare nulla di così complesso. Basta mescolare in una ciotola le olive con sale, olio e aromi vari e lasciarle così per 10 giorni in frigorifero, avendo cura di mescolare ogni giorno. Passato questo tempo, ti andranno a porre al sole coperte da un panno in modo che possano essiccare. Infine bisogna riporlo in dei vasetti coperte di olio e tenerle in dispensa.

Olive verdi appena raccolte

Le olive fresche appena raccolte hanno un sapore un po’ amarognolo, e dunque per togliere la mano, ed addolcire, è necessario creare in ammollo in acqua per almeno 4 giorni. La cosa importante è che per i primi 4 giorni l’angolo l’acqua venga cambiata almeno tre volte al giorno. Trascorso questo tempo si può decidere di consumare le olive fresche oppure procedere con uno dei modi su descritti.

Articoli Correlati

Ultime notizie:

    No feed items found.

Pulsante per tornare all'inizio