Tecnologia

Tra streaming e realtà aumentata: così la tecnologia cambia svago e intrattenimento

La tecnologia nell’arco di pochi decenni ha compiuto passi da gigante, con un inevitabile impatto sulla vita di tutti i giorni. Sta rivoluzionando il modo di svolgere alcune attività lavorativa ad esempio, si pensi alla sempre più massiccia introduzione delle casse automatiche nei centri commerciali, ma ha avuto un impatto rilevante anche per quanto riguarda lo svago e il tempo libero di ciascuno di noi.

Si pensi, in primo luogo, ai cambiamenti rispetto ad attività praticate da ormai svariati secoli come la lettura. La tecnologia ha permesso non solo l’avvento di libri elettronici, in grado di contenere al loro interno migliaia di titoli, ma ha aperto la frontiera dell’audiolibro online. In questo modo, anche chi non ha troppa dimestichezza con la lettura, può avvicinarsi alla narrativa o alla saggistica ascoltando la voce di chi legge al suo posto. Questo permette, inoltre, di non rendere più la lettura un’attività esclusiva ma praticarla anche facendo altre commissioni. I dati raccolti inerenti agli audiolibro e ai podcast sono in costante aumento: secondo gli addetti ai lavori, questo dimostra la nascita di nuove abitudini di consumo.

Dal mondo degli ebook si passa ora all’intrattenimento vero e proprio con la proliferazione di piattaforme in grado di offrire un enorme catalogo di serie tv e film. Sembrano trascorse ere geologiche rispetto a quando era necessario uscire e recarsi fisicamente nel punto di noleggio di VHS e DVD e scegliere tra l’elenco da loro proposto. In questo caso si può selezionare la propria serie preferita direttamente dal divano di casa grazie ad una pluralità di titoli mai avuta in precedenza.

Parlando di svago, inoltre, è impossibile non fare riferimento al mondo dei videogiochi, aspetto dove la tecnologia non può non avere una presa eccezionale. Il gaming oggi conosciuto comprende una molteplicità di sottocategorie: si va dalla console di ultima generazione alle applicazioni presenti su smartphone e tablet passando infine per i giochi messi a disposizione sul web, come i siti di poker online piuttosto che briscola o svariate tipologie di solitario. La vera rivoluzione che potrebbe condurre l’innovazione tecnologica riguarda soprattutto la prima categoria elencata, quella delle console. L’introduzione progressiva e massiccia del 5G, infatti, renderebbe comune il cloud gaming, oggi già presente ma ancora non diffuso in maniera estesa. Di fatto, funzionerebbe come una normale piattaforma di streaming: al posto di film e serie tv, però, vi sarebbero i videogiochi. Questa tecnologia è però possibile solo con una connessione 5G perché si tratta di elementi infinitamente più pesanti da reggere e far funzionare rispetto ad un singolo episodio.

Come se questo non bastasse, a migliorare ancora di più l’esperienza videoludica potrebbero esserci i visori di realtà aumentata in grado di catapultare il giocatore nel mondo del videogioco che si sta giocando, permettendo così un’esperienza a 360°. Ad oggi il vero limite ad un loro smodato uso è dato dal costo ancora molto elevato, ma è lecito attendersi una loro più ampia diffusione negli anni a venire. Infine, un ultimo aspetto che potenzialmente potrebbe migliorare sensibilmente la creazione dei videogiochi è l’utilizzo dell’Intelligenza Artificiale. In realtà, in molti titoli viene già utilizzata normalmente, come ad esempio riguardo la creazione di mappe di gioco sempre più realistiche, ma il suo impiego massiccio aprirebbe a nuovi scenari mai sperimentati prima.

Articoli Correlati

Ultime notizie:

    No feed items found.

Pulsante per tornare all'inizio