Home Lifestyle La cannabis light è legale? Cosa dice la legge e come si è evoluta nel tempo 

La cannabis light è legale? Cosa dice la legge e come si è evoluta nel tempo 

Facciamo chiarezza sulla legalità di questa pianta basandoci sulle ultime leggi internazionali e nazionali. 

by Danilo

La legalità della canapa è un argomento oggetto di discussione da diversi decenni e, al giorno d’oggi, questa famosissima pianta continua a far parlare di sé 

È vero: dal punto di vista legislativo sono stati fatti significativi passi in avanti nella regolarizzazione della coltivabilità e commercializzazione dei prodotti derivati dalla cannabis. Tuttavia, tra interpretazioni contrastanti e testi fraintendibili, molte persone inclusi gli imprenditori che negli anni scorsi hanno investito in questo settore, mettendo in vendita diverse varietà di hashish legale e altri derivati della cannabis continuano ad avere le idee confuse a riguardo. 

Nelle prossime righe chiariremo la definizione di cannabis legale e scopriremo come si esprimono le normative europee e italiane in merito. 

Cannabis light: quali sono le sue caratteristiche 

È bene chiarire fin da subito che la Cannabis Sativa contiene numerosi principi attivi, i più importanti dei quali sono: 

  • il cannabidiolo, meglio conosciuto come CBD; 
  • il delta-9-tetraidrocannabinolo, noto con la sigla THC. 

Le due molecole sopra elencate sono presenti in quantità predominante rispetto agli altri componenti e giocano un ruolo fondamentale nella definizione di canapa light. Questa varietà di cannabis è caratterizzata dalla quantità limitata di THC, sostanza che non può superare la percentuale del 0,2%. 

Il motivo per il quale la canapa light ha visto aprirsi le strade della legalità è semplice: una quantità così bassa di tetraidrocannabinolo, sostanza responsabile degli effetti psicotropi della marijuana, dell’hashish e di altri derivati della cannabis, non è sufficiente a classificare tale varietà come drogante”. 

Di conseguenza, la produzione e l’acquisto di prodotti a base di cannabis light sono regolamentati a norma di legge. Vediamo, dunque, quali sono i documenti legislativi che hanno fatto giurisprudenza in merito alla legalità della canapa light. 

Il regolamento europeo sulla cannabis industriale del 2009 e la richiesta dell’OMS del 2019 

Il primo passo di apertura nei confronti della canapa è stato l’emanazione di ben quattro documenti da parte del Consiglio dell’Unione europea nel 2009: 

  • il regolamento n. 73/2009; 
  • il n. 1120/2009; 
  • il n. 1121/2009; 
  • Il n. 1122/2009. 

Questi documenti sono stati formulati con l’obiettivo di disciplinare la produzione della canapa industriale nei Paesi membri dell’UE, in particolare in merito alla coltivazione e alla trasformazione delle fibre. È in queste normative che viene specificato come coltivare la canapa sia concesso purché la percentuale di THC non superi il limite dello 0,2%. 

In tempi più recenti, a scuotere il mondo della canapa ci ha pensato l’Organizzazione Mondiale per la Sanità che ha invitato l’ONU a rimuovere la cannabis dalla Tabella IV delle sostanze considerate stupefacenti. Richiesta accolta in seguito a una votazione alla quale tutti Paesi dell’UE (Ungheria esclusa) si sono espressi favorevolmente. Attenzione, però: tale decisione, per quanto storica essa sia, non ha nulla a che fare con la legalità della coltivazione della pianta. 

Per comprendere quale sia la situazione attuale in Italia, è necessario analizzare la nostra legislazione. 

La legge italiana sulla canapa light 

La storia delle leggi inerenti alla coltivazione della canapa in Italia è piuttosto travagliata e ricca di contraddizioni, specie se si considera che nei primi decenni del Novecento questo settore costituiva un segmento importantissimo dell’economia del Paese. 

Dal secondo dopoguerra in poi, questa pianta è stata letteralmente perseguitata a causa di interpretazioni errate della legislazione; negli anni ’70 e ’80 in particolare, in Italia ci furono diversi tentativi di riprendere la coltivazione della cannabis a scopo industriale, puntualmente ostacolati dalle forze dell’ordine. 

Una prima svolta legislativa si ebbe nel 1997, con una nota del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali in cui vennero definiti i limiti per la coltivazione a uso industriale. Ma la legge più importante in materia è quella emanata nel dicembre del 2016; la Legge 242/2016, riguardante le disposizioni per la promozione della coltivazione e della filiera agroindustriale della canapa, ha dato il via a un vero e proprio boom del settore. 

Negli ultimi anni, infatti, sono nate centinaia di imprese che si sono attivate nella coltivazione e nella commercializzazione delle varietà di cannabis indicate come legali dall’articolo 1 del testo di questa legge (che fa riferimento all’articolo 17 della direttiva europea 2002/53/CE); tuttavia, la normativa ha evidenziato diverse falle, come l’assenza di termini precisi (infiorescenze, foglie, e via dicendo) e di qualsiasi riferimento circa l’utilizzo della canapa e dei suoi derivati a scopo ricreativo. 

Un testo poco chiaro dà sempre origine a diverse interpretazioni, ed è per questo che sarebbe necessario integrare la Legge 242. Resta il fatto che, allo stato attuale, è legale coltivare la canapa industriale destinata a settori come: 

  • l’alimentare; 
  • la cosmetica; 
  • la bioingegneria; 
  • la bioedilizia; 
  • la fitodepurazione; 
  • il florovivaismo; 
  • il collezionismo. 

In conclusione 

È evidente che in Italia la legislazione in materia di cannabis sia ancora incompleta e necessiti di indicazioni più dettagliate. Tuttavia, la Legge 242 rappresenta un punto di riferimento che precedentemente mancava e il suo testo è abbastanza chiaro in merito alla possibilità di coltivare la cannabis in base alla quantità di THC. 

Per quanto riguarda, invece, l’acquisto dei derivati della cannabis a scopi collezionistici, è fondamentale assicurarsi che il venditore rilasci una certificazione che attesti una percentuale di tetraidrocannabinolo inferiore al limite imposto dallo Stato. 

TI POTREBBE INTERESSARE:

Ultime notizie:

    No feed items found.

Buongiornoconilcuore.it è il tuo sito di news, oroscopo, intrattenimento, musica, gossip, frasi per ogni occasione e molto altro. Ci impegniamo per fornirti contenuti interessanti. Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.

Proprietà di Rubino Agency di Danilo Fiorini P.I. 16121021006

Contatti: redazione@buongiornoconilcuore.it

@Rubino Agency di Danilo Fiorini
Concessionaria per la pubblicità: Take Rate 

Designed and Developed by PenciDesign