sabato, Aprile 17, 2021

Lockdown generale per 2-3 settimane. La richiesta al governo

Si continua a gran voce a chiedere un lockdown ferrato. Lo fanno gli epidemiologi, virologi ed addetti ai lavori in generale. Serve uno LOCKDOWN di almeno 3 settimane, è questo in sintesi quello che viene chiesto al Governo con la massima priorità e urgenza. Proprio perchè i contagi non smettono di aumentare

Tra i pionieri dello STOP immediato per tutto il Paese, c’è il prof. Luigi Lopalco, a capo della Task Force coronavirus della Puglia e da poco assessore alla Sanità della stessa.

L’epidemiologo parla della situazione di grave difficoltà territoriale per poi estendere il problema anche a carattere nazionale.



Leggi anche:  Dal 26 aprile l'Italia riapre: via libera a spettacoli e ristoranti anche di sera ma all'aperto

Attualmente in zona arancione, la Puglia ha registrato un tasso di incidenza pari al 17,8%, un rapporto cioè tra tamponi positivi e quelli effettuati del 16,3% di molto superiore alla media nazionale. Questi dati non fanno stare affatto tranquilli medici e sindacalisti. La proposta di Lopalco è “un lockdown totale di almeno due-tre settimane generale per tutto il paese”.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni
SCOPRI IL PREZZO

Non è l’unico a pensarla così. Al pensiero si unisce anche il professor Crisanti, direttore del dipartimento di Medicina Molecolare e professore di Epidemiologia e Virologia presso l’Azienda Ospedaliera dell’Università di Padova. Entrambi, sono d’accordo sul superamento delle divisioni di colore volute finora dal governo, si dichiarano favorevoli all’idea di una misura unica su tutto il territorio nazionale.

Leggi anche:  Dal 26 aprile l'Italia riapre: via libera a spettacoli e ristoranti anche di sera ma all'aperto

“Stiamo valutando un ampliamento ulteriore con gli ospedali da campo e i moduli della Protezione Civile“, dice Lopalco riguardo il lavoro che si sta facendo in Regione per garantire una maggiore assistenza sanitaria, “ma arrivati a un certo punto, il sistema non sarà più espandibile”.

Questo è quello che pensano.Saranno ascolti dal Governo? Lo sapremo nei prossimi giorni raffrontando dati e situazione degli ospedali.

Articoli correlati

Stai connesso

1,979FansLike

Ultimi articoli